√ All’Università di Pavia si studiano Financial Innovation e Fintech - FinancialInnovation.it
MIBE_Unipv

All’Università di Pavia si studiano Financial Innovation e Fintech


All’interno del percorso di Laurea Magistralis MIBE un corso per formare i professionisti dell’innovazione finanziaria e della tecnofinanza.

L’evoluzione nel settore BFSI (banking, financial services, insurance) guidata dall’innovazione finanziaria e dalla tecnologia richiederà nuove competenze e professionalità nelle istituzioni finanziarie del futuro. Un settore che prevede miliardi di investimenti non solo per finanziare le startup Fintech/Insurtech, ma anche per trasformare attraverso la tecnologia i modelli di business degli operatori tradizionali. Inoltre in questo mercato stanno entrando, iniziando dai servizi di pagamento, le BigTech come Facebook, Google, Apple e Amazon.

Per rispondere a questo trend anche nell’anno accademico 2019/2020 l’Università degli Studi di Pavia, una delle più antiche e prestigiose università del mondo, ha previsto nella sua offerta formativa un corso dedicato all’Innovazione finanziaria e Fintech all’interno del MIBE - Master Programme in International Business and Entrepreneurship, un Master of Science (Laurea Magistralis) tenuto interamente in inglese della durata di due anni accademici e comprendente attività per un totale di 120 crediti formativi.

L’obiettivo del MIBE è quello di sviluppare le capacità manageriali e analitiche necessarie alla governance del cambiamento anche in contesti multinazionali e complessi. I principi a cui si ispira spaziano dall’organizzazione esponenziale al design thinking, dall’agile management alla digital transformation, fino alla lean start-up come mindset per le imprese e all’imprenditorialità. In particolare il percorso “Digital Management” è stato pensato e progettato per preparare gli studenti a sviluppare competenze legate all’adozione di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, la blockchain, l’Internet of Things e a comprendere le dinamiche strategiche e le potenzialità della digital economy.

Il corso “Financial Innovation & Fintech”, inserito nell’indirizzo “Digital Management” ha l’obiettivo di fornire agli studenti una overview dello scenario e delle strategie nell’industria bancaria, assicurativa e finanziaria, con un focus specifico sul ruolo dell’innovazione e del Fintech. Gli studenti impareranno a conoscere cosa si intende per innovazione in questo settore attraverso testimonianze e casi nelle varie aree di business quali pagamenti, credito, investimenti, assicurazioni, ecc.

Il corso è stato affidato, in qualità di adjunct professor a Sergio Spaccavento, Presidente di AIFIn – Associazione Italiana Financial Innovation e CEO di MarketLab – Financial Marketing & Research.

“Ho voluto dare al corso un taglio strategico per affrontare e discutere con gli studenti i principali trend e innovazioni nei business model, nelle value proposition e customer experience del settore.” – dichiara il prof. Sergio Spaccavento. “Il Fintech sarà approfondito per le sue applicazioni nelle singole aree di business quali ad esempio il P2P lending nel credito, il Robo Advisor negli investimenti, ecc. Inoltre l’utilizzo di una metodologia didattica innovativa come la “flipped classroom” e la presenza di diversi ospiti con testimonianze operative rendono il corso molto interattivo.”

“Il Fintech è una realtà strategica in quanto sintesi perfetta fra innovazione basata sui dati e rinnovamento di un comparto - specie quello bancario e assicurativo - ormai da troppo tempo maturo e alla ricerca di nuova identità.” – dichiara il prof. Stefano Denicolai, Direttore del MIBE. “La laurea magistrale MIBE intende posizionarsi come leader in Italia per allineamento dei contenuti rispetto ai trend del futuro e per l’innovazione didattica: pertanto non potevamo ignorare proprio il Fintech, erogando il corso con un partner d'eccellenza, che ci garantisce di affrontare l'argomento con massima concretezza."

Un’altra parte fondamentale dell’offerta MIBE sono le partnership con le aziende quali 3M, LG Electronics, IBM, Procter & Gamble, Riso Scotti e la relativa offerta di stage per favorire l’apprendimento on the job.

“Vorremmo coinvolgere come partner del corso una banca e/o una compagnia assicurativa nel “Banking & Insurance Next Generation Lab”, parte fondamentale del programma, con l’obiettivo di sviluppare con gli studenti nuovi concept utilizzando la metodologia del design thinking. E' un'importante opportunità per capire come i giovani immaginano l’istituzione finanziaria del futuro.” – dichiara il prof. Sergio Spaccavento.

Infine, il tratto distintivo del MIBE si riconosce nel gran numero di programmi di scambio internazionale. Il programma Double Degree si fonda su degli accordi bilaterali tra le università che consentono agli studenti di ottenere, alla fine del periodo di studio, due degree: la laurea italiana e il titolo straniero equivalente.

Oltre al programma Double Degree, il MIBE offre la possibilità di partecipare al programma Erasmus Plus, un programma di mobilità finanziato dall’UE che consente agli studenti di trascorrere da tre a dodici mesi in un’università europea frequentando corsi, sostenendo esami e guadagnando crediti mentre studiano all'estero.

 

La Redazione di FinancialInnovation.it