√ DOTS, il “light banking” promosso da BPER Banca - FinancialInnovation.it
Home » Banking » News
dots

DOTS, il “light banking” promosso da BPER Banca


Al via la nuova App dedicata in particolare ai giovani  che muovono i primi passi verso l’indipendenza economica.

Il settore dei servizi finanziari vive un momento di trasformazione, con frequenti novità che modificano lo scenario competitivo. BPER Banca ha deciso di non essere semplice spettatrice di questo cambiamento: cogliendo le opportunità rese disponibili dall’open banking, infatti, ha realizzato un progetto innovativo, presente oggi sul mercato con il nome di DOTS.

Si tratta di una App sviluppata per i Sistemi Operativi iOS (Apple) e Android, con la quale è possibile gestire una carta con IBAN abbinata a un conto di moneta elettronica, inviare e ricevere denaro e fare acquisti online o nei negozi, tramite una carta fisica o utilizzando i servizi di Apple Pay e Google Pay. Con DOTS, inoltre, si possono controllare le proprie finanze grazie a una soluzione di Personal Financial Management (PFM) intuitiva e immediata.

La novità è proposta principalmente alle generazioni un po’ distanti dal concetto di banca “tradizionale”, quali i Millennials e la generazione Z, che hanno confidenza con il digitale ed esigenze di banking non specifiche. In un mercato molto competitivo, l’idea che caratterizza il nuovo prodotto è offrire strumenti per il banking quotidiano, con funzionalità distintive e un utilizzo semplice.

Una particolare attenzione è stata data alla ecosostenibilità, aspetto di rilievo per BPER Banca: tutte le carte fisiche DOTS sono realizzate in PLA, materiale di origine vegetale fino al 90%, mentre sono in carta riciclata la busta e la lettera con cui il prodotto viene recapitato a domicilio. DOTS è stata realizzata in sinergia con Fabrick.

Diego Rossi, Responsabile della Direzione Everyday Bank di BPER Banca e Direttore Generale di Bibanca, dichiara: “Possiamo riconoscere la prima innovazione già nel modello collaborativo che abbiamo costruito. Per creare questa soluzione di light banking con logiche e strumenti di open banking, infatti, ben quattro realtà diverse hanno condiviso competenze e ambienti di lavoro: BPER Banca, Bibanca, Hype e Fabrick”.

Francesco Brandani, Project e Team Leader DOTS di BPER Banca, commenta: “Il progetto è stato impostato creando un brand ‘separato’ da quello della banca, adottando un’identità di marca e un approccio che vogliono essere più coerenti al pubblico al quale ci si rivolge.”

Fonte: BPER Banca